Red Headed Stepchild
(The Barrett family memoir of Navy Life)
by Sophie Ruth Meranski with photos

 

1393.
p 92-1393

 

Photo by Gen.Paul Kavanaugh Saturday November 13, 1999 outside Gallaudet University library 800 Florida Avenue, Washington D.C. - left John Barrett - center his cousin Daniel Meranski of Baltimore, Maryland and Danny's friend Marsha.


 

1394.
p 92-1394 Nov. 13, 1999 at Gallaudet University Library, 800 Florida Ave NE by Gen. Paul Kavanaugh of Fairfax VA

 

At right in photo is Deborah Meranski Sonnenstrahl, Emeritus chair of Art Department at Gallaudet University, who taught art history 35 years and is completing book on 63 "Deaf American Artists." Next to Debbie is her brother Daniel Meranski, Baltimore Maryland psychological counsellor. Next to Daniel is his lady friend, whose name must be verified [Marsha ....?]. At left is John Barrett during productive and enjoyable trip east November 1-30, 1999 on Greyhound Ameripass. John stayed at the Fairfax, Virginia home of Paul and Marjory Kavanaugh - visited Library of Congress and Bull Run Battlefield with Paul and had enjoyable visit with William W. Paca, junior in Richmond, Virginia.Paca and his father both served as U.S. Marine officers in World War 2 and his father was an Army officer in World War I - 1914 West Point Graduate.The senior Paca served with Javk Barett on gunboat TULSA commanded by Paul Rice at Tientsin 1931.


 


International Thermonuclear Experimental Reactor p92-1395

 

From John B. Barrett - December Fusion news items Perhaps "luke-warm" fusion will be the next step- the Japanese think plasma burning can achieve net energy production with less investment than "Ignition".What will be relative prospects of magnetic versus inertial or laser fusion technologies? These stories are encouraging. We should be creating career opportunities for fusion scientists. Dec 1999 FUSION ENERGY news items Dec. 3 AAAS Science magazine by Judy Redfearn writing in Munich,and two items both in NATURE Dec. 9 vol 402 :p570.Fusion energy is vital for living standards around the world and will greatlyaid PEACE in Middle East and ENVIRONMENT, ECONOMY and QUALITY OF LIFE. Please get involved. Japan and Europe are proceeding with the International Thermonuclear Experimental Reactor, from which United States regretabbly withdrew funding in 1999. Dec 9 NATURE magazine has two articles both vol. 402: p 570. Main article by Asako Saegusa has title "Japan Pulls its Fusion Research Together. Ten Japanese Agencies have joined to work together. An accompanying short article by Alison Abbott says "Plasma physicists in the collaboration believe the engineering design phase for ITER should not be extended...The original goal of achieving IGNITION has been dropped... But to move confidently to the next step of a fusion power plant, ITER has only to demonstrate GAIN - energy AMPLIFICATION." [by plasma burning].[United States]..." has a substantial commitment into INTERTIAL CONFINEMENT FUSION, an approach that competes with ITER's MAGNETIC CONFINEMENT APPROACH.In AAAS weekly SCIENCE magazine Dec 3 the concept of PLASMA BURNING is explained it mainly generates heat from Alpha particles [helium nuclei charged positively] yield 400 megawatts power for 400 seconds whereas more expensive ignition design would generate 1.5 gigawatts for one thousand seconds.Plasma burning will yield an energy output ten times the input. Robert Aymar is the present ITER director. Hiroshi Kishimoto is Japan Atomic Energy Research Insititute is mentioned and Charles Baker of University of California at San Diego, who led a U.S. ITER planning team. - Materials prepared Sept 1996 by Energy Directorate Lawrence Livermore National Laboratories "energy demand will grow dramatically as the developing countries creaste the power and transportation systems essential to a modern economy. [In 1996] fossil fuels supply 85% of the world's primary energy." Carbon dioxide and other atmospheric contaminants are problems with fossil fuel. Deuterium is abundant and easily extracted from ordinary water.Tritium can be made from lithium, a moderately abundant element.One ton of fusion material equals fourteen million tons of coal.There are no combustion products to cause acid rain or global warming.The fusion technologies especially the magnetic types proposed for ITER are unsuitable for weapons products.Radioactivity hazards are hundreds of times less than from fission. No runaway reactions are possible. Excerpts from Livermore material---:Low Density Magnetic Confinement-- Standard field-reversed configuration-- Large -orbit field-reversed configuration -- SPHEROMAK-- SPHERICAL TORUS -- REVERSED FIELD PINCH -- Conventional and Advanced TOKAMAK -- Stellarator -- Mirror. --- INERTIAL CONFINEMENT FUSION --Standard inertial fusion [driven by HEAVY IONS or LASERS] - Advanced FAST-IGNITION SYSTEMS -- MASNETO-INERTIAL concepts. HIGH DENSITY MAGNETIC CONFINEMENT Pulsed /PINCHES fiber, laser-assisted, staged pinches. PLASMA FOCI - Continuous flow PINCHES- WALL-CONTAINED, MAGNETICALLY-INSULATED concepts NON-THERMONUCLEAR & MISCELLANEOUS-Inertial electrostatic confinement-- COLLIDING BEAM systems --COULOMB BARRIER CIRCUMVENTION concepts. INERTIAL FUSION ENERGY -A "DRIVER" FOCUSES BEAMS of accelerated ions or intense LASER light on a 'TARGET' filled with Hydrogen fuel.An IFE power plant would have separate areas for the driver, a factory for making the targets,, a target chamber where the fusion reactions occur, and a steam turbine to generate electricity.This separability provides design flexibility and allows the driver and target factory to be protected from the fusion radiation environment.The driver must ignite several fusion targets per second to produce the desired power level in the chamber.A single driver could be used to operate multiple chambers by switching the final beam paths betwen chambers.--both energy and defense purposes. HEAVY ION DRIVER for electrical efficiency and rapid repeated firings, one leading aproach is to use beams of heavy ions from either linear or circular accelerator.Illustrations show beam-combiner experiment -diodes & electrostatic quadrupole for four-beam combiner at Lawrence Berkeley. Another shows linear magnetic-transport experiment with potassium-ion beam. HOW INERTIAL FUSION WORKS: Driver Beam - A pulse of radiation light xrays or ions rapidly heats the surface of a pea-sized fuel capsule. 2. BLOWOFF - The fuel is rapidly compressed by the rocket-like blowoff oof hot surface material. 3. INWARDLY TRANSPORTED THERMAL ENERGY When the fuel core reaches twenty times the density of lead,it ignites at one hundred million degrees C. [not Dec. 1999 reports Japanese ITER may economize by plasma burning at lower temperature without ignition but with usable worthwhile energy production.] 4. Thermonuclear burn quickly spreads through the compressed fuel, yielding many times the input energy.


 


Moon & Astronomy in Shakespeare's plays p 92-1396

 

Notes on moon and astronomy in shakespeare- Around 1974 I compiled a list of moon references in thirty-one of Shakespeare's 37 widely accepted plays. I am typing out what I find in an old notebook with additions and correcttions and invite help in interpreting what they may tell us about Shakespeare and his audiences and contemporaries.Marchette Chute in "Shakespeare of London" tells us that Shakespeare was a practical man of the theater, and the ways the moon was represented in the theater are a factor - in the 1595 romantic comedy Midsummer Night's Dream, in the comic subplot of a play by workmen, one character represents the moon, and the theme recurrs in Tempest 1609 where Stephano tells the simple-minded Caliban "I was the man in the moon." Like many writers and musicians Shakespeare was an acute observer of folk speech, thoughts,and customs - the moon was associated with witches, astrology, and herbal medicine, and Shakespeare doubtless knew how to draw on the expectations of his audience. When I complete typing out citations from more than thirty plays, ideas on interpretation will be welcome from on and all. -John Barrett Beginning draft-- Julius Caesar iii-i-60 I am constant as the northern star Of whose true-fixed & resting quality There is no fellow in the firmament. The skies are painted with unnumbered sparks They are all fire and every one doth shine But there's but one in all doth hold his place. So in the world I do know but one That unassailable holds on his rank Unshaked of motion; and that I am he Let me a little show it.Henry 1V part i Mars when he was retrograde.i-2-14-Falstaff--We that take purses go by the moon + the Seven Stars + not by Phoebus, he, that wandering knight so fair- squires of the night, Diana's foresters, gentlemen of the shade, minions of the moon- governed as the sea is by our noble and chaste mistress the moon,under whose countenance we steal. 34- Hal-the fortune of us that ae the moon's men doth ebb and flow like the sea- being governed as the sea is,by the moon, - as low an ebb as the fot of the ladder and by and by in as high a ridge as the gallows. I-3-201-Hotspur Methinks it were an easy leap to pluck bright Honor from the pale-faced moon III-i-99 See how this river comes cranking me in,And cuts me from the best of all my land A huge half moon- Trent new channel' HENRY IV PART II I in the clear sky of fame oershine you as much as the full moon MERRY WIVES OF WINDSOR v-v-44 moonshine revellers LOVES LABOR LOST had rather be a dog and bay the moon the moon was a month old when Adam LLL iv-2-37 King Lear I-ii-5 Edmund "I am some twelve or fourteen moons lag of a brother" l. 112 the mysteries of Hecate {moon goddess} and the night ii-i-41 conjuring the moon III-2-33 though it be night yet the moon shines I'll make a sop o' the moonshine of you iv=6=26 for all beneath the moon I would not leap upright --71- methought his eyes were two full moons v-3-17 we'll wear out in a walled prison packs and sets of great ones that ebb and flow by the moon MIDSUMMER night's dream I-1-1 our nuptial hour draws on apace; four happy days bring in another moon, but o methinks how slow This old moon wanes- she lingers my desires, Like a step-dame or a dowager Long withering out a young man's revenue.[Hippolyta] And then the moon like to a silver bow New-bent in heaven shall behold the night of our solemnities. line 30-"Lysander, thou hast by moonlight at her window sung." l. 73- nun chanting faint hymns to the cold fruitless moon -83-Theseus by the next new moon Act II-01-7 Puck - swifter than the moon's sphere -60- Oberon "Ill-met by moonlight, proud Titania -103- therefore the moon, governess of floods, pale in her anger, washes all the air,That rheumatic diseases abound, and through this distemperature we see The seasons alter 141- Titania - our moonlight revels--156 flying between the cold moon and the earth - Cupid- 161 young Cupid's fiery shaft Quenched in the chaste beams of the watery moon- fell upon a little western flower Before milk-white, now purple with love's wound.And maidens call it, Love-in-Idleness.Puck I;'ll put a girdle round the earth in forty minutes.III=1=49 hard things - to bring the moonlight into a chamber for you know Pyramus and Thisbe met by moonlight-Snug:"Does the moon shine that night we play our play?" Bottom- "A calendar - find out moonshine." Quince: "yes" Bottom "Moon may shine in at the casement." Quince " or to present - disfigure this person of Moonshine. 180 titania - fan the moonbeams fom his sleeping eyes iv-i-104- swifter than the wandering moon v-i-7 Theseus the lunatic, the lover, and the poet vi-actor MOONSHINE lines 245,250 man in the moon V-2 epilog Puck wolf behowls the moon- MACBETH ii-1-2 FLEANCE "the moon is down" BANQUO "and she goes down at midnight" [ indicates moon is at first quarter phase and that after it sets the dark is appropriate for criminal plans of Macbeth's agents. iii-5 Hecate [witch] upon the corner of the moon there hugs a vaporous drop profound." iv-1-28 slips of yew slivered in the moon's eclipse [for witches] AS YOU LIKE IT v-2-119 'tis like the howling of Irish wolves against the moon KING JOHN They say five moons were seen tonight Four fixed and the Fifth did whirl about the other four in wondrous motion HENRY VI Part 2 I seek not to wax great by others' waning TIMON OF ATHENS iv-3-66 How came the noble Timon to this change? As the moon does,by wanting light to give, But then renew I could not like the moon- There were no suns to give waning ROMEO & JULIET 1-4-63 Queen Mab's wagon -the collars of the moonshine's watery beams. ii-2-4 envious moon 107 by yonder blessed moon I saw 1090 Juliet:"swear not by the moon the inconstant orb that monthly changes in her circled orb lest that thy love prove likewise variable.ROMEO "Juliet is the sun" TEMPEST i-2-335 Caliban "lesser light' ii-i-189 you would lift the moon out of her sphere if she would continue in it five weeks without changing 229 to ebb 257 next heir of Naples: Queen of Tunis from Naples can have no note unless the sun were post.The man i' the moon's too slow. ii-2-115 Caliban 'moon calf' 147 [Caliban] has thou not dropped from heaven? -[Stephano] out of the moon, I do assure thee, I was the man in the moon, when time was" Caliban:I have seen thee in her and I do adore thee, my mistress showed me thee and thy dog and thy bush." iv-1-248 'moonster' v-1-37 you demi-puppets that by moonshine do the green sour ringlets make Whereof the ewe not bites 270 a witch and one so strong that could control the moon, make flows and ebbs.ANTONY & CLEOPATRA iv-9-7 Enobarbus be witness o thou blessed moon l. 110 o sovereign mistress of true melancholy. the poisonous damp of night disponse upon me v-2-79-80 [Antony's] face was as the heavens, and there stuck a sun and moon which kept their course and lighted this little O the earth HENRY VIII the cardinal his eye against the moon in most strange postures - if we did think his contemplation were above the earth and fixed on spiritual object, he should still dewell in his musings, but I am afraid his thinkings are below the moon - not worth his serious consideration.TITUS ANDRONICUS iv-3-65 archery- we will aim a mile beyond the moon [message to gods] WINTER'S TALE 4-3-172 never gazed the moon upon the water as hel'll stand and read my daughter's eyes I-2-1 nine changes of the watery star i-2-427 forbid the sea to obey the moon PERICLES 3-1-45 But sea-room, an the brine and cloudy billow kiss the moon, I care not.CYMBELINE iii-i-45 If Caesar can hide the sun from us with a blanket or put the moon in his pocket. TROILUS & CRESSIDA the sun borrows of the moon when Diomed keeps his words.. -Achilles' pettish lunes, his ebbs, his flows as if the passage and whole carriage of this action rode on his tide. MEASURE FOR MEASURE thy complexion shifts to strange effects after the moon RICHARD II 4-8-10 the bay trees are all withered, the pale-faced moon hangs bloody on the earth TWELFTH NIGHT It is not that time of the moon with me to make one in so skipping a dialog. v-1-280 sun - orbed continent the fire that severs day from night.Venus and Adonis 491 shone like the moon in water seen by night Sonnet 35 Clouds and eclipses stain both moon and sun #107 The mortal moon hath her eclipse endured.


 

Click Here

 
p 92-1397 Jarrod Schier student Forks High School diabetes activis

 

Peninsula Daily News story on Forks high School student Jarrod Schier, a diabetes activist, who is going as a member of American Diabetes Association to a conference in Washington D.C on better care and more research opn diabetes and blood sugar. A popular senior, Jarrod formerly played on Forks football team and worked summer 1999 at a camp for diabetic children. Gazza ladra, La (The Thieving Magpie) Gioachino Rossini. Melodramma in two acts. 1817. Libretto by Giovanni Gherardini, after La pie voleuse (The Thieving Magpie) by J. M. T. Badouin d'Aubigny and Louis-Charles Caigniez. First performance at the Teatro alla Scala, Milan, on 31st May 1817. CHARACTERS Fabrizio Vongradito, a rich farmer bass Lucia, his wife mezzo-soprano Giannetto, his son, a soldier tenor Ninetta, a servant in their house soprano Fernando Villabella, her father, a soldier baritone Gottardo, village mayor bass Pippo, a young peasant, employed by Fabrizio contralto Isacco, a pedlar tenor Antonio, the gaoler tenor Giorgio, servant to the mayor bass Ernesto, friend of Fernando, a soldier bass Magpie Ninetta hopes to marry Giannetto, returning from the war. She tries to shelter her father Fernando Villabella, who has deserted from the army, and is troubled by the attentions of the mayor, Gottardo. A missing spoon and the evidence of Isacco, the pedlar, who has bought a piece of silver from Ninetta to raise money for her father, lead to her accusation and imprisonment. She is tried and found guilty, to be saved from death at the last minute by the discovery of the thief, the thieving magpie of the title. Given a happy ending, Rossini's opera starts with a brilliant overture, a well known concert opener. Ninetta has a charming aria in which, in the first act, she expresses her love for Giannetto, Di piacer mi balza il cor (My heart leaps in pleasure). GAZZA LADRA Act 2 Rossini ATTO SECONDO Scena 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 Vestibolo delle prigioni nella Podesteria. -------------------------------------------------------------------------------- Scena prima Antonio, e subito Ninetta. Antonio (additando il carcere di Ninetta) In quell'orrendo carcere rinchiusa Geme la poveretta! Ah chi potria Del misero suo stato Non sentire pietà? Cara fanciulla, Io vo' cercare almeno D'alleviare i tuoi strazi. - Ehi, mia signora Antonio dice queste ultime parole aprendo la porta del carcere di Ninetta, e chiamandola dalla soglia. Ninetta (di dentro) Ahimè! Antonio Deh! Non temete: Sono Antonio; sorgete... (entrando nel carcere), Venite qui, (uscendo dal carcere colla Ninetta per mano) - Venite A respirare, ed a godere almeno Un po' di luce. Ninetta Ah quanto vi son grata! Scena seconda Ninetta; poi di nuovo Antonio, e in fine Giannetto di fuori. Ninetta Conoscete voi Pippo? Antonio Il servo... Ninetta Appunto. Se poteste, di grazia, Farlo tosto avvertito Ch'io gli vorrei parlar? Antonio Uhm! Non saprei... Vedrem... Procureremo... S'ode battere alla porta. Chi va là? Giannetto Apritemi! Ninetta Qual voce! Antonio Che volete? (osservando per lo sportello) Voi qui, signor Giannetto? Ninetta Giannetto! Giannetto Vi scongiuro, Apritemi. Antonio Impossibile. Ninetta (prendendo affettuosamente per mano Antonio) Ah mio benefattor! Antonio (E chi potrebbe Resister mai?) (alla Ninetta affettando serietà) Restate. - (Infin che male c'è?) (apre a Giannetto) - Signore, entrate. Scena terza Giannetto e detti. Antonio (riceve da Giannetto una moneta, e si ritira per la porta onde quegli è entrato) Oh troppe grazie! Giannetto (stringendole la mano) Cara! Ninetta Ed è pur vero? Ah dunque ancora tu non m'hai del tutto Abbandonata! Giannetto Abbandonarti? Oh cielo! Tu sì m'abbandonavi allor... Che dico? No no, perdona... io non lo credo... E pure... Ah, se caro ti sono, Se veder non mi vuoi morir d'affanno, Ah togli i dubbi miei, M'apri il tuo cor, dimmi se rea tu sei. Ninetta (con dignità) Sono innocente. Giannetto E perché dunque, o cara, Non ti discolpi? Ninetta Perché nulla io posso Addurre in mia difesa. Tacer m'è forza, se tradir non voglio Chi già dall'empia sorte È percosso abbastanza. Giannetto Ma sperar non poss'io?... Ninetta Vana speranza! Giannetto (Più non so che pensar!) - Ah mia Ninetta, Tu sei perseguitata: Il Podestà crudele La tua sentenza affretta! Tu conosci Il rigor delle leggi. Ah! se non parli, Se il tuo fatale arcano A nasconder ti ostini,... io tremo! Forse In questo giorno istesso... Oh giorno orrendo! Ninetta Condannata sarò... Non più! T'intendo. Forse un dì conoscerete La mia fede, il mio candore: Piangerete il vostro errore; Ma quel pianto io non vedrò: Là fra l'ombre allor sarò! Giannetto Taci, taci; tu mi fai L'alma in sen gelar d'orrore. (No la colpa in sì bel core, No, ricetto aver non può. Ed io perderla dovrò!) Ninetta e Giannetto No che la morte istessa Tanto non fa penar! Troppo è quest'alma oppressa Non posso respirar. Scena quarta Antonio frettoloso, e detti. Antonio (a Giannetto) O mio signor, partite: Il Podestà sen viene. Giannetto (alla Ninetta) Idolo mio! Ninetta (a Giannetto) Mio bene! Antonio (alla Ninetta) E voi tornate al carcere. Ninetta e Giannetto Crudel necessità! Giannetto Parto; ma per salvarti Tutto farò, ben mio. Spera frattanto. Ninetta e Giannetto Addio ! Che barbaro dolor! Più non resisto, o Dio! Sento mancarmi il cor . Giannetto O cielo, rendimi Il caro ben; Ninetta O cielo rendimi Al caro ben; Ninetta e Giannetto O scaglia un fulmine Che m'arda il sen. Giannetto esce; la Ninetta ritorna nel suo carcere. Scena quinta Antonio; subito il Podestà; poscia Ninetta, e in fine alcune guardie. Antonio Ah, destino crudel! Ma perché mai Tanto rigore questa volta ostenta Il Podestà?.. No, mormorar non voglio: Ma qui certo s'asconde un qualche imbroglio. Il Podestà Antonio? - Conducetemi La prigioniera. - No, non fia mai vero Che a tollerare io m'abbia Sprezzi e rifiuti. (ad Antonio che ha condotto la Ninetta - Andate. - (All'arte.) - Orsù, mia povera Ninetta, T'accosta. A te mi guida Tenerezza e pietà. Più non rammento I tuoi torti con me: vorrei salvarti; Ma come mai, se tutto Rea ti condanna? Ninetta Io rea! E creder lo potete? Il Podestà Ah sì, pur troppo! Ninetta Tutto, è vero, congiura a danno mio; Ma, lo sanno gli Dei, rea non son io. Il Podestà E bene, io spero ancor. Tutto tu puoi, Amabile Ninetta, Aspettarti da me. Sì, non temere; Voglio quest'oggi istesso Toglierti di prigione. Ninetta O mio signore, Se non mi promettete Che intero mi sarà reso l'onore, E innanzi agli occhi altrui Sciolta ritornerò d'ogni sospetto, Voglio qui rimaner. Il Podestà Te lo prometto. Sì per voi, pupille amate, Tutto, tutto far desio, Ma per me, tu pur, ben mio Qualche cosa devi far. Ninetta Chi m'aiuta? Il Podestà Sta' tranquilla, E t'affida a chi t'adora: Io salvar ti posso ancora Se t'arrendi al mio pregar. Ninetta No giammai. Il Podestà Paventa, ingrata! Coro di Guardie (di fuori) Ah Ninetta sventurata! Il Podestà (con trasporto) Quali accenti! - Un solo amplesso... Coro (entrando) Radunato è il gran consesso; Manca solo il Podestà. A queste voci esce fuori Antonio, il qual si tiene in disparte. Il Podestà (Oh mia sorte maledetta!) - (alle guardie) Ho capito; vengo in fretta. - (alla Ninetta) Hai sentito? e ancora adesso... Ninetta Sì, vi replico lo stesso. Il Podestà Ma la morte? Ninetta Non la temo. Il Podestà Vanne, indegna; ci vedremo: Quell'orgoglio alfin cadrà. Udrai la sentenza, Perdon chiederai; Ma invan pregherai, Ma tardi sarà. Coro ed Antonio (Oh ciel, che fia mai! Sospetto mi dà.) Il Podestà In odio e furore Cangiato è l'amore Pietà nel mio petto Più luogo non ha. In questo punto s'ode da lontano il suono de' tamburi cui s'annunzia al popolo che s'apre la sessione del Tribunale. Coro Udiste? Il Podestà Vi seguo. Coro È questo l'avviso. Il Podestà (alla Ninetta) E bene? Ninetta Ho deciso. Il Podestà Qual sorte l'attenda L'ingrata non sa. (parte) Coro ed Antonio (Quel torbido aspetto Paura mi fa.) Il coro parte insieme col Podestà. Ninetta Ah, barbaro oggetto, T'invola di qua! Scena sesta Antonio, Ninetta, e subito Pippo. Antonio Podestà, Podestà! tu me l'hai fatta. Le cose questa volta In regola non vanno. Ah piaccia al cielo!... Pippo (ad Antonio) Chiamar voi mi faceste. (vedendo la Ninetta e correndo verso di lei) - Ah, cara amica! Ninetta (a Pippo) Ho bisogno di te. Antonio (a Ninetta) Poche parole, Vedete: io vo frattanto A far la sentinella. (via) Pippo In ciò che posso, Quel poco ch'io possiedo, Volentieri ve l'offro. Ninetta (togliendosi frattanto dal collo la croce) Ah no, mio Pippo, Abusarmi non voglio Del tuo buon cuor! Solo ti chiedo in presto Tre scudi, che andrai tosto A portare là dove Or ti dirò. Questa mia croce in pegno... Pippo Adagio, adagio. Dove Portar debbo il denaro? Ninetta Hai tu presente Quel grande castagno che si trova dietro Al vicin colle?... Pippo E che scavato è in modo Che un uom vi si potrebbe Quasi quasi appiattar... Ninetta Sì, quello appunto. Là dentro ti scongiuro Di riporre il denaro innanzi sera. Pippo (maravigliato) Dentro il vecchio castagno!... Ninetta Sì; ma che niun ti vegga. Pippo (in atto di partire) Siamo intesi. Ninetta Ma Pippo? E questa croce Che ti scordavi! Pippo Io non mi scordo nulla; Tenetela, vi prego. Ninetta Se la ricusi, non accetto anch'io L'offerta tua. Pippo Vi sfido. Ora che so quello che fare io debbo, Nessun più mi trattiene. (come sopra) È pure un gran piacere il far del bene! Ninetta (trattenendolo) Deh pensa che domani, Oggi fors'anco, non sarà più mio Quest'ornamento! Pippo Ohibò! Non lo credete: Esser non può, mel dice il cor:...tenete. Ninetta E ben, per mia memoria La serberai tu stesso: Non hai più scuse adesso Di rifiutarla ancor. Pippo (baciando la croce) Pegno adorato, ah sempre Con Pippo tu starai: Compagno mio sarai Fin che mi batte il cor. Ninetta e Pippo (Mi cadono le lagrime; M'opprime il suo dolor! Un'anima sì tenera Mi fia presente ognor.) Ninetta A mio nome, deh consegna Questo anello al mio Giannetto. Pippo Tanta fede, eguale affetto Ah veduto mai non ho! Ninetta Digli insieme che lui solo Fino all'ultimo sospiro; Ma non dirgli che il mio duolo... Questo core... Ah ch'io deliro! Il mio ben più non vedrò. Pippo Per carità, cessate! (in atto di partire) Sì, sì... Non dubitate... Tutto farò... dirò. Ninetta Non t'obbliar. Pippo (vivamente commosso) Che dite! Sapete chi son io. Ninetta Povero Pippo Addio!... Pippo Addio!... (Se ancor qui resto Mi scoppia in seno il cor.) Ninetta L'ultimo istante è questo Che ci vediamo ancor. Pippo (Vedo in quegli occhi il pianto Ma ve' che piango anch'io!) Ninetta (Vedo in quegli occhi il pianto; E la cagion son io.) Ninetta e Pippo (Dove si trova, oh Dio! Un più sincero amor?) Addio!... (Se ancor qui resto, Mi scoppia in seno il cor.) Ninetta entra nel suo carcere, e Pippo se ne parte. Stanza terrena in casa di Fabrizio, come nell'Atto primo. Scena settima Lucia sola. Lucia Infelice Ninetta!... Ed è poi certo Ch'ella sia rea? Qual dubbio!... Il tempo, il luogo, Le prove, i testimoni, è ver, La colpa sua fanno evidente Ma pure, chi sa mai? Forse è innocente. Scena ottava Lucia e Fernando. Lucia Chi è? - Fernando! oh Dio! Fernando Mia cara amica Che nessuno ci ascolti! - Ov'è Ninetta? Lucia Ninetta!... Deh fuggite! (piange) Fernando Ma che vuol dir quel pianto? Lucia Ah non m'interrogate! Fernando Voi mi fate gelar!... (Entro il castagno Ancor non pose... Un nero Presentimento... Che pensare?..) E bene, Che fa? Deh rispondete! Lucia Ah se sapeste Accusata di furto... Fernando La mia figlia? Lucia Sì, dessa. Fernando Come?.. Esser non può. Seguite. Lucia Innanzi al tribunale Forse in questo momento È giudicata. Fernando Eterni Dei, che sento! Accusata di furto... oh, rossore! Condannata, punita mia figlia?... Ah qual nube m'ingombra le ciglia! Freddo il sangue mi piomba sul cor. Condannata!... Ah si vada, si cerchi... Ma che fo?... Son confuso, perplesso: Se mi scopro, oh Dio! perdo me stesso; Se più tardo, ella forse... Oh spavento! .. Che cimento! che fiero dolor! (riscuotendosi) Ah lungi il timore! Si tenti la sorte: Coraggio, mio core Si sprezzi la morte: La figlia diletta Si corra a salvar. Coraggio, mio core; Vo' tutto arrischiar. (esce precipitosamente) Lucia Sventurato Fernando!... Ed io pur sono Di tanto duolo la cagione! Ah possa A' voti miei secondo Allontanare il ciel sì ria tempesta! L'unica grazia ch'io domando, è questa. (parte) Scena nona Sala del Tribunale nella Podesteria. Pretore, giudici, un usciere; il Podesta, Giannetto; Fabrizio; popolo; guardie alle porte. I giudici sono assisi sui loro sedili; in mezzo ad essi è il Pretore, innanzi al quale è collocato un tavolino. - Il Podestà presente alla sessione, occupa una sedia a parte. - Da un lato si vede il popolo spettatore, fra cui si distinguono Giannetto e Fabrizio. - All'alzarsi della tenda, si vede l'usciere che va raccogliendo i voti nell'urna. Una musica tetra annunzia questo terribile momento. L'usciere, raccolti i voti, consegna l'urna al Pretore, il quale, trovato che tutte le palle sono nere, esclama: Il Pretore A pieni voti è condannata. Giannetto Oh Cielo, E tu lo soffri? Il Pretore Zitto! Fabrizio Abbi prudenza! Il Pretore (all'usciere, che parte subito) Venga la rea. (ad uno dei giudici) Stendete la sentenza. Il Pretore e i Giudici Tremate, o popoli, A tale esempio! Questo è di Temide L'augusto tempio: Diva terribile, Inesorabile Che in lance pondera L'umano oprar: Il giusto libera, Protegge e vendica; Ma sempre il fulmine Sovra il colpevole Giugne a scagliar. Scena decima Ninetta e detti. Ninetta entra accompagnata da alcune guardie che subito si ritirano e preceduta dall'usciere, il quale le indica il luogo ove ella debba fermarsi. Il Pretore Infelice donzella, Omai più non vi resta Che sperare nel ciel. (facendosi dare la sentenza dal giudice che l'ha stesa) - Signor, porgete "Considerando che la nominata Ninetta Villabella è rea convinta Di domestico furto; a pieni voti, Ed a tenor delle vigenti leggi, Il regio Tribunale La condanna alla pena capitale." Tutti, fuorché il Pretore ed i Giudici Ahi qual colpo!... Già d'intorno Ulular la morte ascolto: in ogni Già dipinto volto nel suo Miro il duolo ed il terror! Giannetto (slanciandosi verso i giudici) Aspettate; sospendete: Voi punite un'innocente Un arcano, ah non sapete! La meschina chiude in cor. Tutti, eccetto il Pretore ed i Giudici Un arcano! Il Pretore ed i Giudici (alla Ninetta) E ben, parlate. Ninetta Rispettate il mio silenzio. Giannetto Ah Ninetta! Pippo e Fabrizio Palesate. Ninetta Non crescete il mio dolor! Il Podestà (Maledico il mio furor.) Giannetto e Fabrizio Mi si spezza a brani il cor! Il Pretore ed i Giudici (alle guardie) Ella tace: e ben, sia tratta Al supplizio. Scena undicesima Fernando che entra impetuosamente, e detti. Fernando Ah no ! Fermate . Ninetta Voi qui, padre? Giannetto, Fabrizio e il Podestà Chi vegg'io? Fernando (a' giudici) Vengo a voi col sangue mio La mia figlia a liberar. Ninetta (Infelice! Possa il cielo I suoi giorni almen serbar!) Fernando I miei sforzi ed il mio zelo Possa il cielo coronar! Giannetto e Fabrizio Oh coraggio! Possa il cielo Tanto zelo secondar! Il Podestà (alzatosi) Signori; è quello, è quello Il disertor che preme: Ecco gl'indizi, - e insieme Vi troverete l'ordine Di farlo imprigionar. (consegna al Pretore un foglio) Il Pretore e i Giudici Guardie. Ninetta, Giannetto e Fabrizio Gran Dio! Il Pretore ed i Giudici Fermatelo. Le guardie circondano Fernando. Ninetta, Giannetto e Fabrizio Oh cielo! E fia pur vero? Fernando Son vostro prigioniero; Il capo mio troncate: Ma il sangue risparmiate D'un innocente vittima Che non si sa scolpar. Il pretore ed i Giudici La sentenza è pronunziata; Più nessun la può cambiar. Fernando Ma dunque?... Il Pretore ed i Giudici L'uno in carcere, E l'altra sul patibolo. La legge è inalterabile; Il reo perir dovrà. Ninetta, Giannetto, Fernando, Fabrizio e il Podestà Che abisso di pene! Mi perdo, deliro. Più fiero martiro L'Averno non ha. Un padre, una figlia Tra' ceppi, alla scure!... A tante sciagure Chi mai reggerà! Il Pretore ed i Giudici Guardie, olà. Fabrizio e Giannetto Più non poss'io Tollerar... I Suddetti, Fernando e il Podestà Son fuor di me! Ninetta Che faceste, padre mio! Per voi solo io vado a morte; E voi stesso alle ritorte Volontario offrite il piè. Fernando Che dicesti? Fernando, Giannetto e Fabrizio Parla; spiegati. Il Pretore ed i Giudici Via, si tronchi ogni dimora; Alla carcere, al supplizio. Ninetta (in atto di volere da lui un amplesso) Ah mio padre, in pria ch'io mora!... Fernando Figlia! - (ai satelliti che lo trattengono) Barbari, lasciatemi. Il Pretore ed i Giudici (ai satelliti, i quali fanno subito per istrascinar via Ninetta e Fernando) Eseguite. Ninetta e Fernando Oh Dio, soccorso! Giannetto e Fabrizio Ah Ninetta! Il Podestà (Qual rimorso!) Ninetta Mio Giannetto! mio Fabrizio! Il pretore ed i Giudici (ai satelliti) Alla carcere; al supplizio. Tutti, fuorché il Pretore ed i Giudici Ah neppur l'estremo amplesso! Questa è troppa crudeltà. Sino il pianto è negato al mio ciglio Entro il seno s'arresta il sospir. Dio possente, mercede, consiglio! Tu m'aita il mio fato a soffrir. Il Pretore, i Giudici e il Podestà (Ah già il pianto mi spunta sul ciglio! Tanto strazio mi fa impietosir. Ma la legge non ode consiglio; Noi dobbiamo alla legge ubbidir.) Le guardie dall'una parte conducono Fernando alla carcere dall'altra la Ninetta al luogo del supplizio. Il Pretore, i giudici ed il Podesta si ritirano. Tutti gli altri partono costernati. Scena dodicesima Piazza del villaggio. Alla destra dello spettatore si vede il campanile ed una parte della chiesa: verso la cima del campanile sporge in fuori un piccolo ponte ad uso di far delle riparazioni. - Alla sinistra è collocata la porta maggiore della podesteria. Al di là della podesteria c'è una contrada, e dirimpetto un'altra che mette dietro alla chiesa. Parimente alla sinistra, si vede una piccola porta, che è quella dell'orto della casa di Fabrizio. Lucia (uscendo dalla chiesa) Ora mi par che il core Sia meno oppresso. Ah, se benigno il Cielo Le preci udì dell'alma mia pentita No, l'infelice non sarà punita. A questo seno Resa mi fia; Qual figlia mia Io l'amerò Saprò corregger I miei trasporti, Gli antichi torti Riparerò. (entra nella propria casa per la porta dell'orto) Scena tredicesima Ernesto, e subito Pippo. Ernesto Che razza di villaggio! Neppure un cane che additar mi possa L'abitazion di questo Podestà, E quella di Fabrizio... Ah spero bene Di ritrovarvi ancora Il mio caro Fernando. Oh quanta gioia Ei proverà vedendo Il suo fedele Ernesto, ed ascoltando La felice notizia!... - Il ciel ti arrida, O clemente mio Re, che la sua grazia Col tuo nome segnasti! Si vede arivar Pippo dal fondo della piazza. - Ah finalmente Ecco un uomo: egli certo saprà dirmi... Amico, una parola: ov'è la casa Del Podestà? Pippo La casa sua? Guardate: Laggiù, dopo il palazzo C'è una contrada; entrate: alla sinistra La prima porta. Ernesto E quella Di ser Fabrizio? Pippo Dopo breve tratto Vien essa; ed è la quarta appunto. Ernesto Grazie. (parte) Scena quattordicesima Pippo, quindi Giorgio e infine Antonio. Pippo Ora che nel castagno Ho riposto il denaro, veder bramo Quanto mi avanza ancor. - (siede sovra una panchina di sasso presso l'orto di Fabrizio, e conta il suo denaro) Sono più ricco Di quel che mi credeva... Ah questa lira, Nuova di zecca me la diè Ninetta Un certo giorno;... dunque a parte: insieme Tu starai colla croce. (mette a parte la lira, e in questo momento compare la gazza sulla porta dell'orto.) - Ah brutta diavola, Che fai lì? Se ti colgo... Giorgio Con chi l'hai? Pippo (alzandosi, e raccogliendo il denaro) Con quella gazza infame. Oh! ecco Antonio. (ad Antonio) E ben, che nuove abbiamo? E la Ninetta? Antonio (piangendo) Ahimè! Tutto è finito. Pippo Podestà scellerato! Qui, la gazza discende sulla panchina, rapisce la lira messa in disparte e se ne vola sul campanile. Giorgio (additandogli la gazza) Oh guarda, guarda. Pippo Briccona! E giustamente Rubarmi la moneta Che tanto mi premeva. - Ah birba, birba! Eccola là sul ponte. Oh se potessi Arrampicarmi, forse Troverei la mia lira. Vo' provarmi. Antonio Andiamo insiem. Pippo Gazzaccia maledetta! Pippo e Antonio corrono via. Giorgio Ah ahà, non correr tanto che ti aspetta. Scena quindicesima Ninetta in mezzo alla gente d'arme; contadini, e Giorgio che s'è ritirato in un angolo e ch'esprime il suo dolore. Alcuni satelliti fanno riparo alla calca de' contadini nel fondo; Ninetta in mezzo ad altre genti d'arme discende dalla gradinata della podesteria e s'avvia lentamente verso la contrada che gira dietro alla chiesa; essa è preceduta e seguita dagli abitatori del villaggio. Coro Infelice, sventurata Ti rassegna alla tua sorte No, crudel non è la morte Quando è termine al martir. Ninetta (soffermandosi davanti alla chiesa) Deh tu reggi in tal momento Il mio cor, pietoso Iddio! Deh proteggi il padre mio, E ti basti il mio morir!- (ai satelliti) Or guidatemi alla morte Si finisca di soffrir. Coro e Giorgio Ah farebbe la sua sorte Anche un sasso intenerir! La Ninetta prosegue il suo cammino, seguita dal popolo, e ben tosto si toglie agli sguardi degli spettatori. - Terminata la funebre marcia, Giorgio attraversa la scena lentamente e costernato. Scena sedicesima Giorgio; Pippo ed Antonio nel campanile; e poscia Giannetto, Fabrizio, Lucia e diversi famigli. Pippo (sul ponte del campanile, tirando a sé qualche cosa da un buco in cui egli aveva intruso il braccio. Intanto la gazza è volata via) Giorgio, Giorgio? oh me felice! Giorgio E così, che cosa è stato? Pippo Tutto, tutto ho ritrovato: Guarda, guarda; (mostrandogli la posata) Avvisa, grida. - Antonio Non lasciamola ammazzar! Giorgio Sei tu pazzo? Pippo e Antonio (vedendo da lungi il convoglio, e gridando a tutta voce) Olà, fermate; Dove andate? cosa fate? Non mi vogliono ascoltar. Pippo Inumani, andrò ben io... Pippo e Antonio rientrano nel campanile. Giorgio Ti compiango, amico mio: Il cervello se n'è andato. Pippo e Antonio suonano una campana a tutta forza. Che fracasso indiavolato! Oh che pazzo da legar! Giannetto (uscendo precipitosamente dall'orto) Che vuol dir? Fabrizio e Lucia (idem, e dietro loro alcuni famigli) Che cosa avvenne? Antonio e Pippo (ricomparendo sul ponte) Innocente è la Ninetta. Tutti, fuorché Pippo e Antonio Innocente! Pippo e Antonio Innocentissima! Pippo Il cucchiaio, la forchetta, La mia lira, è tutto qua. Antonio Quella gazza maledetta Fu la ladra. Lucia, Giannetto, Fabrizio e Giorgio Giusto cielo! Gli Stessi col Coro Caso eguale non si dà. Pippo Padrona, spiegate Il vostro grembiale. (Pippo getta giù la posata nel grembiale della Lucia) Giannetto e Fabrizio desso È mirate: dessa (l'uno prende subitamente la forchetta, e l'altro il cucchiaio, che mostrano alla Lucia) I Suddetti e Coro Il colpo fatale Corriamo a impedir. Lucia, Pippo, Antonio e Giorgio Il colpo fatale Correte a impedir. Fabrizio e Giannetto, colla posata, corrono via, e dietro ad essi i famigli. - Pippo e Antonio rientrano nel campanile e suonano di nuovo a martello. Scena diciassettesima Il Podestà e suddetti, fuorché Giannetto e Fabrizio. Il Podestà Che scampanare è questo! Che cosa è mai successo? Lucia (correndogli incontro) Del mio piacer l'eccesso Non vi saprei spiegar. Il Podestà Io non capisco niente. Lucia La povera Ninetta Pur troppo era innocente.- (a Giorgio e al Podestà) Ah cari amici miei, Andiamola a incontrar. Giorgio Andiamola a incontrar. Il Podestà Mi sembra di sognar. Mentre la Lucia insieme con Giorgio fa per incamminarsi, s'ode di lontano una scarica di fucili. - Pippo ed Antonio sul campanile stanno osservando attentamente verso la campagna. Lucia Ah! qual rimbombo! Oh Dei! È morta, è morta. (s'abbandona svenuta tra le braccia di Giorgio) Il Podestà Oh cielo! Qual fremito! qual gelo Mi piomba sovra il cor! Pippo e Antonio lo la vedo. Viene, viene. Qual trionfo! Oh benedetta! Coro (di dentro) Viva, viva la Ninetta, La sua fede, il suo candor! Il Podestà e Giorgio Oh che sento! Giorgio (alla Lucia che s'è riscossa) Avete udito? Alcuni Famigli (entrando), Antonio e Pippo Viene, viene: non temete. Lucia Dite il vero? I Suddetti e i Famigli La vedrete. Il Podestà Ma lo sparo? I Suddetti e i Famigli Fu allegria. Pippo, Antonio e i Famigli Ecco, ecco! Scena diciottesima e ultima I suddetti, Ninetta, Fabrizio, Giannetto abitanti, genti d'arme; e poscia Ernesto con Fernando. La Ninetta è assisa sopra un carro adornato all'infretta di rami e di fiori, e tratto da alcuni contadini. Giannetto, Fabrizio ed altri contadini le fanno corteggio. Diversi contadinelli si arrampicano qua e là per vedere. Lucia (correndo incontro alla Ninetta) Figlia mia! Giannetto (leggendo ciò che sta scritto in una carta ch'egli consegna al Podestà) "Si rilasci la Ninetta." Questa è mano del Pretor. Lucia, Giannetto e Fabrizio Quando meno il cor l'aspetta Sembra il giubilo maggior. Il Podestà (Quanto costa una vendetta! Di rimorsi ho pieno il cor.) Giorgio, Pippo, Antonio e Coro Viva, viva la Ninetta La sua fede, il suo candor! Pippo e Antonio discendono dal campanile. Ninetta Queste grida di letizia Danno tregua al mio tormento: Ma il mio cor non è contento; Ma con voi, miei fidi amici No, gioir non posso ancor! Lucia, Giannetto e Fabrizio Mia Ninetta, che mai dici? È svanito ogni timor. Ninetta No, no!... Dov'è mio padre?... Nessun risponde: oh Dio! Fernando (comparendo improvvisamente accompagnato da Ernesto) Cor mio, Sì, vive, e a te sen vola; (abbracciando la figlia) Sempre con te sarà. Ninetta Ah padre! Or sì che obblio Tutti i passati guai: Ah che perfetta è omai La mia felicità! Tutti gli Altri, fuorché il Podestà Ah chi provato ha mai Egual felicità! Il Podestà (accennando a Fernando) Ma in che modo fu costui Dal suo carcer liberato? Fernando Per un ordine firmato Dal monarca mio signor. Ernesto ne fa testimonianza co' suoi cenni. Tutti gli Altri, fuorché il Coro e il Podestà Viva il Principe adorato Che sol regna coll'amor! Il Podestà (Son confuso, strabiliato; Di me stesso sento, orror.) Coro (additando il Podestà) È confuso, strabiliato, E già cambia di color. Ninetta E il buon Pippo? Non lo vedo. Pippo (accorrendo verso la Ninetta, la quale gli fa grande accoglienza; dietro ad esso viene Antonio) Cara amica, sono qua. Lucia (unendo la mano di Ninetta con quella di Giannetto) Mia Ninetta, ecco il tuo sposo. Ninetta, Fernando e Giannetto Oh momento avventuroso! Lucia Ma perdona alla Lucia! Ninetta e Giannetto l'abbracciano. Fabrizio Brava, brava moglie mia! Ninetta e Giannetto Ah mio ben, fra tanto giubilo Sento il cor dal sen balzar. Tutti gli Altri, fuorché il Podestà Una scena così tenera Fa di gioia lagrimar. Il Podestà (Una scena così tenera Mi costringe a lagrimar.) Ninetta, Giannetto, Fernando e Pippo Ecco cessato il vento Placato il mare infido: Salvi siam giunti al lido; Alfin respira il cor. Il Podestà (Sordo susurra il vento, Minaccia il mare infido: Tutti son giunti al lido; lo son fra l'onde ancor.) Tutti, fuorché il Podestà In gioia ed in contento Cangiato è il mio timor. Il Podestà(D'un tardo pentimentoPavento, oh Dio, l'orror!)FINE


 

Click Here

 
p 92-1398 grandson of Janet Ikeda Shitabata on first birthday October 1999 Honolulu.

 

Janet Ikeda was a classmate of John Barrett jr in grades two through five at Thomas Jefferson School Waikiki. At present Janet spend a great deal of time looking after her daughter's son while his mother is working. I will check correspondence and add his full name ....Donovan. John Barrett had lunch with Janet in Honolulu in July, 1990 when he attended the ninetieth birthday celebration of his first grade teacher Mrs. Barbour [Celestine Silva]. At that time Janet was teaching math to hearing-impaired seventh and eighth grade pupils. She was an outstanding student- a champion at quick responses to arithmetic flash-card competitions and winner of spelling bees. She appears in February 14, 1946 fifth grade photo of Mrs. Davidson's class on web page 87 photo #1362, taken by Douglas Davidson. In 1990 classmate Joseph Kinoshita of Honolulu helped John Barrett locate Janet through her brother Walter Ikeda - both he and Joe are lawyers.


 

1399.
p 92-1399 Forks High School boys Basketball team

 

1999-2000 Forks High School boys basketball team. Seniors include Kasey Ulin, Kurt Olsen, Kelsey Bourm, Andrew Lamance, John Dahlgren-- juniors Pat Bennett, Ray Dickinson, Rod Enos, Zach Cole [whom John Barrett is attempting to encourage in Internet LATIN course], Jo Payne--sophomores Scott Rigby, Chris Hinchen, Bobby Jo Ashue, Archie Black, freshman Mike Fletcher, coaches Scott Justus and Bob Enos.


 

1400.
p 92-1400 girls basketball Forks High School

 

1999-2000 GAZZA LADRA ROSSINI act I Atto I Coro Oh, che giorno fortunato! Oh, che gioia si godrà! Pippo Dopo tanti e tanti mesi spesi in guerra e fra gli stenti, oggi alfine a'suoi parenti il padron ritornerà. Coro Vieni, vieni, o padroncino! Vieni a noi, Giannetto amato! Oh, che giorno fortunato! Oh, che gioia si godrà! La gazza Pippo! Pippo! Pippo Chi ha chiamato? Coro Non so niente. Ah! Ah! Ah! La gazza Pippo? Pippo Ancora? Coro Vé chi è stato! Pippo Brutta gazza maledetta: che ti colga la saetta! La gazza Pippo? Pippo Taci là! Coro Pippo? Pippo? Ah! Ah! Ah! Lucia Marmotte, che fate? Così m'obbedite? Movetevi, andate. La mensa allestite là sotto alla pergola che invita a mangiar. Che flemma! Sbrigatevi: pigliate, stendete. Mio figlio, il sapete, dee tosto arrivar. Coro Che giorno beato dobbiamo passar! Lucia Alfine cessato avrò di tremar. Eh, Ninnetta! Quand'io chiamo, tutti perdono l'udito. E Fabrizio mio marito dove adesso se ne sta? Coro Tuo Marito? Eccolo qua! Fabrizio Egli vieni, o mia Lucia, come Bacco trionfante. Egli reca l'allegria, reca il nettare spumante, che mantiene nelle vene il vigore, la sanità. Tutti Viva Bacco e la cantina, medicina d'ogni età! Lucia Ah, che alfin con suo congedo oggi torna il figlio amato! Fabrizio Certamente. Ed ammogliato lo vorrei ben io veder. Lucia A me tocca il dargli moglie. Questo affare a me si aspetta. Egli dee sposar… La gazza Ninnetta! Fabrizio Ah, la gazza ha indovinato! Lucia Insensato! Fabrizio Si vedrà. Brava! Ahi! Ahi! Lucia Che è stato? Fabrizio M'ha beccato! Lucia E ben ti sta. Fabrizio Ma la gazza ha indovinato! Lucia Insensato! Fabrizio Si vedrà! Pippo, Coro Se la gazza ha indovinato, ogni core esulterà, sì, sì! Fabrizio, Pippo Là seduto l'amato Giannetto a suo padre, alla sposa vicino, or d'orgoglio brillar lo vedremo, or di bella pietà sospirar! Lucia Là seduto l'amato Giannetto a sua madre, alla sposa vicino, or d'orgoglio brillar lo vedremo, or di bella pietà sospirar! Tutti Noi l'udremo narrar con diletto le battaglie, le stragi, il bottino e fra i brindisi intanto faremo i bicchieri ricolmi sonar. Fabrizio Oh, cospetto! Undici ore già passate e Giannetto ne scrive che sarà qui sul mezzogiorno. Lucia Oh, diavolo, già così tardi! E la Ninnetta ancora non veggo. Ov'è costei? Pippo, rispondi! Pippo Per la collina, io credo, a cogliere le fragole. Lucia Ah, Fabrizio! Da qualche tempo son molto scontenta di questa tua Ninnetta. Pippo, Ignazio, Andrea, andate tutti a preparar il resto. Ah, se la colgo, quella smorfietta! Fabrizio Eh via, cessa una volta! Tu sempre la rimbrotti e sempre a torto. Lucia A meraviglia! E quando ridento e civettando ella mi perde le forchette d'argento, dimmi, allora se mi viene la bile ho torto ancora? Fabrizio Gran cosa! Finalmente è una forchetta sola che si smarrì per caso. E chi sa forse che un dì non si ritrovi? Orsù, Lucia, bada a trattare con maggior dolcezza quella fanciulla. Lucia Ah, ahà! Fabrizio Rispetta in lei le sue sventure. Sai ch'ella è pur figlia di quel bravo e onesto Fernando Villabella che nell'armata passa la vita. E s'ella, orfana della madre, che è scomparsa in questa guerra, colle sue fatiche qui si procaccia una meschina vita, non debb'esser per ciò da noi schernita. Lucia E chi dice il contrario? Ma finiamola! Il tempo vola. Io corro un momento in cucina. E poi, se credi, andremo insieme ad incontrar Giannetto. Fabrizio Dici ben. Vo'vestirmi, e qui t'aspetto. Ninnetta Di piacer mi balza il cor. Ah, bramar di più non so: E l'amante e il genitor finalmente rivedrò. L'uno al sen mi stringerà. L'altro… ah, che farà? Dio d'amor, confido in te, deh, tu premia la mia fè! Tutto sorridere mi veggo intorno. Più lieto giorno brillar non può. Ah, già dimenticato i miei tormenti. Quanti contenti alfin godrò! Fabrizio Alfin sei giunta, amabile Ninnetta. Hai raccolte le fragole? Ninnetta Un intero panierin n'ho ricolmo. Eccole. Fabrizio Oh, belle e fresche al par di te! Senti, mia cara, quest'oggi vo'che tutto spiri d'intorno a noi gioia, letizia, e amore. Ninnetta Oh sì, lo spero. Vostro figlio… Fabrizio Ah, ahà! Mio figlio, il so, ti piace. Ninnetta Come! Che dite? Fabrizio Sta lieta. Non t'arrosire. Al padre suo Giannetto non v'è cosa che asconda: Ei t'ama, ed io questo amor non condanno. Ninnetta Oh me felice! Fabrizio Taci, che vien Lucia. Ninnetta Caro Fabrizio! Lucia Ma brava! E tu quando farai giudizio? Prendi queste posate, e bada bene che non si perda nulla. Ninnetta Ah no, vorrei in pria morir, che ancora mancar dovesse. Lucia Solite proteste… ma intanto la forchetta se n'è ita. Ninnetta Io non ci ho colpa! Lucia Ma però… Fabrizio (Che vita!) Andiamo. Lucia Andiamo pure. Fabrizio Addio, Ninnetta. Isacco Stringhe e ferri da calzette, temperini e forbicette, aghi, pettini, coltelli, esca, pietra e zolfanelli! Avanti, avanti chi vuole comprar e chi vuole vendere o barattar. Pippo Oh, senti il vecchio Isacco. Andate, galantuomo, risparmiate una voce sì bella. Quest'oggi abbiamo vuota la scarsella. Isacco Io compro se volete, baratto, se vi piace. Guardate che bei capi, che belle mercanzie tutte di moda e più che mai perfette. Pippo Andate, vi ripeto. Isacco Salutatemi la signora Ninnetta: se per sorte ella bisogno avesse de'fatti miei, ditele che mi trovo fino a domani nell'albergo nuovo. Ninnetta Ma qual suono! Coro di cittadini Viva! Viva! Ninnetta Ma quai grida! Coro Ben tornato! Pippo È Giannetto! Ninnetta Oggetto amato, deh, mi vieni a consolar! Ah, momento fortunato! Oh, che dolce palpitar! Pippo Fuori, fuori! È ritornato: deh, venitelo a mirar! Coro Bravo, bravo! Ben tornato! Qui dovete ognor restar! Giannetto Vieni fra queste braccia… Mi balza il cor nel sen! D'un ver amor, mio ben, questo è il linguaggio. Anche al nemico in faccia m'eri presente ognor: Tu m'inspiravi allor forza e coraggio e valor. Ma quel piacer che adesso, o mia Ninnetta, provo, è così dolce e nuovo che non si può spiegar. Coro Bravo! Bravo! Qui dovete ognor restar! Viva! Viva! Mi sembrano due tortore: mi fanno giubilar! Caro, mi fanno giubilar! Pippo Tocchiamo! Beviamo a gara, a vicenda: il petto s'accenda di dolce furor! Coro Tocchiamo, e discenda la gioia nel cor. Pippo Il nappo è di Pippo la pipa e la poppa: il pecchero accoppa le pene del cor! Tutti Che pipa, che poppa, che pretto sapor! Giannetto Oh madre, ancor non mi diceste nulla del caro zio. Che fa? Lucia Sempre trafitto dalla sua gotta. Giannetto Ah, voglio vederlo ed abbracciarlo. Fabrizio Ebben, possiamo or tutti in compagnia andar da lui. Che te ne par, Lucia? Lucia Andiamoci pur. Ninnetta, tien l'occhio a tutto. Pippo! Pippo Signora! Lucia Là in cucina preparate la cena. Mangiarem e berem poi tutti insieme. Pippo Oh, vi faremo onore! Giannetto A rivederci, mia cara. Ninnetta Sì, ma ritornate presto. Lucia Povera bestiolina, vien qua. Bacia la mano. Addio, carina. Ninnetta Idolo mio! Contiamo queste posate… Oh, come sento ch'io l'amo! Fernando (No, non m'inganno.) Ninnetta Il conto è giusto. Fernando (Oh, Dio! Quella è mia figlia! Ahi, di qual colpo a ferire ti vengo!) Ninnetta (Oh, cielo! Un uomo… Par ch'egli pianga.) Dite in che poss'io? Fernando Adorata mia figlia! Ninnetta Oh, padre mio! Fernando Zitta! Non mi scoprir! Ninnetta Come! Che dite? Fernando Ascolta e trema. Ieri sul tramontar del sole, giunse a Parigi la mia squadra. Io tosto dal capitano imploro di vederti il favor. Bieco e crudele ei me lo niega. Con ardir, con fuoco, a' detti suoi rispondo. Sciagurato! ei grida, e colla spada già m'è sopra. Agli occhi mi fa un velo il furor, la sciabla impugno, m'avvento e i nostri ferri già suonano percossi, quand'ecco a noi sen viene pronto un soldato e il braccio mio trattiene. Ninnetta E allora, padre mio? Fernando Barbara sorte! Fui disarmato e condannato a morte. Ninnetta Misera me! Fernando Gli amici procurâr la mia fuga, il prode Ernesto di questi cenci mi coperse e scorta mi fu al primiero villaggio, dove entrambi, piangendo, ci lasciammo. "Amico mio", ei disse, e dir non mi poteva "Addio!" Ninnetta Come frenar il pianto? Io perdo il mio coraggio! E pur di speme un raggio ancor vegg'io brillar. Fernando No, no, non v'è più speme! È certo il mio periglio. Solo un eterno esilio, oh Dio, mi può salvar. Deh, m'ascolta. Ninnetta Sì, parlate. Fernando Fra l'orror di tante pene, se sapessi… Ninnetta Oh Dio, chi viene? Fernando Chi mai dunque? Ninnetta Il Podestà! Fernando Ah, che dici? Son perduto. Come far? Ninnetta Qui sedete. Fernando S'ei mi scopre… Ninnetta Nascondete quelle vesti… Fernando Ma se mai… Ninnetta, Fernando Oh, crudel fatalità! Il nembo è vicino. Tremendo destino, mi sento gelar! Che fiero tormento! Mi sento gelar! Cha barbara sorte! Il Podestà Il pio piano è preparato e fallire non potrà. Pria di tutto, con destrezza, le solletico l'orgoglio. "No, non posso… ohimè!… non voglio! Deh, partite, o Podestà!" Ciancie solite e ridicole! Formolario omai smaccato! Ma frattanto il cor piagato un bel sì dicendo va. Sì, sì, Ninnetta, sola, soletta ti troverò. Quel caro viso brillar d'un riso io ti farò! E poi che in estasi di dolce amore ti vedrò stendere la mano al core, rinvigorito, ringiovanito, ringalluzzito, rimbaldanzito, trionferò! Ah, tutto in giubilo io già m'en vo'. Ninnetta Un altro, un altro. Questo vi darà forza a camminar. Il Podestà Buon giorno, bella fanciulla. Ninnetta Vi son serva. Il Podestà Ditemi, chi è quell'uomo? Ninnetta Un povero viandante che mi chiedea soccorso. Il Podestà E voi gli deste a bere. Oh, brava, brava! Anch'io, mia cara, ho una gran sete. Ninnetta Subito vi servo. Il Podestà Tu non mi vuoi capir. Ninnetta Lasciate. Ebbene, come lo ritrovaste? (Fingete di dormire.) Oh, voi saprete ch'è arrivato Giannetto? Il Podestà Ed ero appunto venuto a salutarlo. Ninnetta Mi rincresce che sono tutti usciti. Il Podestà Eh, non importa! Ci siete voi, mi basta. Ma colui perché non se ne va? Cacciatelo. Ninnetta Vedete, è tanto stanco che già s'è addormentato. Il Podestà (Can che dorme non dà molestia.) Ah, se sapeste, o cara, da quanto tempo io cerco di ritrovarvi sola… Ninnetta Andate, andate, non vi fate burlare. Il Podestà Ah, mia Ninnetta, perché così ritrosa? Rispondo, anima mia. Giorgio Questo piego pressante è voi diretto. Il Podestà Ah! Ah! Chi l'ha recato? Giorgio Un soldato. Fernando Un soldato! Il Podestà Giorgio, dammi una sedia. Vediamo che cos'è. Vattene pure. Ninnetta Ah! Caro padre, udiste? Io tremo! Intanto ch'ei legge, deh! fuggite. Fernando E come, o figlia? Sono senza denari. Ninnetta Oh, cielo! Ed io non ho più nulla. Fernando Ebben, prendi queste posate, procura di venderlo dentr'oggi, ma in segreto! Là dietro al colle io vidi un gran castagno, a cui la lunga etade scavato ha il sen. Ninnetta Me ne sovvengo. Fernando Quivi cela il denaro che potrai ritrarne. Ninnetta Andate… Fernando Figlia mia, abbracciami! Il Podestà Ninnetta! Galantuomo, restate. Ninnetta (Traetevi in disparte.) Il Podestà Son questi, almeno suppongo, i contrassegni d'un disertor. Fernando par che dica. Ma il resto, senza occhiali, è impossibile a leggere. Mia cara, fate il piacer, leggete voi. Ninnetta "M'affretto di mandarvi i contrassegni d'un mio soldato… condannato a morte, e fuggito pur or dalle ritorte. Ei chiamasi…" Il Podestà Su via. Ninnetta "Fer… Fer… Fernando" (Suggeritemi, o Dei, qualche pietoso inganno!) Il Podestà (Oh, come il duolo la rende ancor più bella!) Ninnetta "Ei chiamasi Fernando Vi… Vinella." Il Podestà Continuate. Ninnetta (Oh, Dio! Se leggo ancora, tutto è perduto.) "Età: quarantott'anni. Statura: cinque piedi…" Il Podestà Ebben, che avete? Non sapete più leggere? Fernando (Infelice!) Ninnetta E una mano diabolica! Il Podestà Ah, se avessi gli occhiali! Ninnetta Permettete! (Il ciel m'ispira.) "Età: venticinqu'anni. Statura: cinque piedi, undici pollici." Il Podestà Peccato! Andate avanti! Ninnetta "Capelli biondi, occhi neri, ampia fronte e tondo il viso." Il Podestà Cospetto! Egli debb'esser un Narciso! E tondo il viso! E poi? Ninnetta "Divisa gialla con mostre rosse. Stivaletti bianchi. Se mai costui passasse sul vostro territorio, addirittura fatelo imprigionar." Il Podestà Sarà mia cura. Vediam se mai per caso… Olà, buon uomo! Ninnetta (Ohimè!) Fernando Signor? Il Podestà Alzatevi. Cavatevi il cappello. Ninnetta (Io muoio!) Il Podestà Ah! Ah! Venticinqu'anni, è vero? Capelli biondi, occhi neri, ampia fronte e tondo il viso… No, no, un sì vago Adon qui non ravviso. Ninnetta (Respiro.) Il Podestà Mia cara! Fernando Signora… Il Podestà Partite! Udite? Partite! Uscite di qua! Siamo soli. Amor seconda le mie fiamme, i voti miei. Ah, se barbara non sei fammi a parte del tuo cor. Ninnetta Benché sola, vi potrei far gelar di spavento. Traditor! Per voi non sento che disprezzo e rabbia e orror! Il Podestà, Fernando, Ninnetta Ah, mi bolle nelle vene il furore e la vendetta! Freme il nembo e la saetta già comincia a balenar. Ma frenarsi qui conviene… Il Podestà Colle buone vo'tentar. Fernando, Ninnetta Egli/ella sol mi fa tremar. Il Podestà Via, deponi quel rigore. Vieni meco e lascia far. Fernando Vituperio! Disonore! Abbastanza ho tollerato. Uom maturo a magistrato, vi dovreste vergognar! Il Podestà Ah, per Bacco! Fernando Rispettate il pudore e l'innocenza. Ninnetta (Caro padre, oh Dio, prudenza.) Il Podestà Temerario! Fernando Non gridate. Ninnetta (Vi volete rovinar!) Il Podestà Vieni meco. Ninnetta Sciagurato! Fernando Rispettate l'innocenza! Il Podestà Cos'è questa impertinenza? Ninnetta (Ah, partite!) Fernando (Sì, t'intendo.) Il Podestà Brutto vecchio, se più tardi… E tu senti. Ninnetta Mostro orrendo! Fernando, Ninnetta (Infelice! Tu mi guardi e ti debbo, oh Dio, lasciar.) Il Podestà (Trema, ingrata! Presto o tardi te la voglio far pagar.) Tutti (Non so quel che farei. Smanio, deliro e fremo. A questo passo estremo mi sento il cor scoppiar.) (Una stanza nella casa di Fabrizio) Isacco Stringhe e ferri da calzette, temperini e forbicette, aghi, pettini, coltelli, esca, pietra e zolfanelli! Ninnetta Il merciaiolo! Come opportuno ei viene! Isacco! Isacco! Isacco Son qua, mia cara signorina. Ninnetta Or su, vorrei vendere queste posate. Isacco Ed io le compro. Ninnetta Quanto mi date? Isacco Son assai leggere. Pure vi do uno scudo. Ninnetta Oh, indegnità! Nemmeno un terzo del valore! Isacco Via, non andate in collera. Vi do due scudi perché siete voi. Ninnetta Non basta. Isacco Ebbene, voglio fare uno sforzo! Questi son tre scudi. Siete alfine contenta? Ninnetta Eh sì, per forza! Isacco Uno… due… tre… tenete. Ma ci perdo. (No vale più del doppio.) Ninnetta Andate, andate. E non dite a nessun… Isacco Non dubitate. Pippo Ecco il grano. Ma quella scellerata d'una gazza, chi sa dove n'è andata? La gazza Pippo? Ninnetta Vedila là che ti canzona. Pippo Mi vuol fare impazzir quella stregena. Ma perché mai, se la domanda è lecita, faceste entrar quel sordido avaraccio? Ninnetta Avea bisogno di denaro. E quindi gli ho venduto… Pippo Ah, capisco. Qualche galanteria… Ninnetta Sì, che per ora non m'era necessaria. Ma lasciami, tu sai che ho tante cose a fare. Pippo Ed io, per Bacco, ne ho da fare altrettante, e son già stracco. Ninnetta Andiam tosto a deporre entro il castagno questo denaro. Lucia Eccovi, o miei signori, quel Giannetto che si fe'tanto onor. Il Podestà Me ne rallegro. Io lessi nei giornali più volte il vostro nome. E ben rammento e la bandiera che di man toglieste all'inimico, e i due cavalli uccisi sotto di voi. Sì giovine, e sì prode! Giannetto Degno ancor non son di tanta lode. Fabrizio Bravo! Che ve ne pare? Lucia … e nove, e dieci, ed undici. Stordita! Ecco qui, manca ora un cucchiaio. Ninnetta Come? Lucia Sì, un cucchiaio. Conta pure tu stessa. Eh, che ne dite? Oggi manca un cucchiaio, l'altro giorno si perse una forchetta. Ah, questo è troppo! Il Podestà È giusto il vostro sdegno. Qui ci sono de'ladri. Esaminiamo, processiamo. Giorgio… Fabrizio Eh, ch'io non voglio processi in casa mia. Ninnetta? Ninnetta È vero, uno adesso ne manca. E pur, credete, poc'anzi c'eran tutti. Fabrizio Eh via, non piangete! Lo troveremo. Giannetto Pippo, corri a veder se mai là sotto la tavola sia caduto un cucchiaio. Lucia Io ci scommetto che non si troverà. Il Podestà Non dubitate, lo troveremo noi. Carta e calamio! Lucia Vi servo sul momento. Fabrizio Vi ripeto ch'io non voglio processi. Lucia Eh taci, sciocco! L'innocente è sicuro. E se v'è il reo, giova scoprirlo e castigarlo. Giannetto Oh, cielo! Per sì piccola cosa… Il Podestà E pur la legge essendo in questi giorni legge marziali condanna alla morte. Tutti Alla morte! Pippo E sopra e sotto ho cercato e frugato, ma nulla ho ritrovato. Ninnetta (Oh me infelice!) Il Podestà Dunque c'è furto. Pippo Io non so niente. Ninnetta Anch'io sono innocente. Il Podestà Or si vedrà. Fabrizio Ma quale esser potrebbe mai la persona sospetta? Giannetto Un ladro in casa! E chi sarà? La gazza Ninnetta! Ninnetta Crudel! Tu pur m'accusi? Giannetto Oh Dio, tu piangi! Ninnetta Ma non l'avete udita? Giannetto Ah, non temere! Nessun vi bada. Fabrizio Insomma, vi scongiuro, lasciate, desistete! Il Podestà Non posso. Giannetto Ma.. Il Podestà Silenzio. E voi scrivete: "In casa di Messere Fabrizio Vingradito è stato oggi rapito…" Giannetto Rapito, no. Smarrito! Il Podestà Zitto! Vuol dir lo stesso. "Rapito." Avete messo? "Un cucchiaio d'argento per uso di mangiar." Ninnetta, Giannetto, Fabrizio (Che bestia! Che giumento! Mi sento a rosicar.) Pippo (Che testa! Che talento! Mi fa trasecolar.) Il Podestà (La rabbia ancor mi sento. Mi voglio vendicar.) Lucia (Pentita già mi sento. Colui mi fa tremar.) Il Podestà Di tuo padre qual'è il nome? Su! Ninnetta Ferdinando Villabella. Il Podestà Villabella! Come, come? Ora intendo, furfantella. Quel briccone era tuo padre. Ma paventa! Le mie squadre lo sapranno accalappiar. Giannetto, Fabrizio, Lucia Quale enigma! Il Podestà Eh, nulla, nulla. Questa semplice fanciulla ne vuol tutti corbellar. Ninnetta Più non resisto, oh Dio! Lucia Ma che denaro è questo? Ninnetta È mio, signora. È mio. Lucia Eh, tu mentisci. Il Podestà Presto, scrivete. Ninnetta È mio, signora. È mio. Pippo È suo, ve l'assicuro: Isacco a lei lo diè. Il Podestà Isacco! Ed a quel titolo? Pippo Per certe cianciafruscole che a lui pur or vende. Il Podestà Per certe cianciafruscole! Cioè! Ninnetta Parlar non posso! Il Podestà Caduta sei nel fosso! Giannetto Tacete! Scopri il vero. Ninnetta Non posso. Giannetto Deh, rispondi. Lucia Tu tremi, ti confondi. Ninnetta Io no, signora… io spero. Il Podestà Inutile speranza. Rimedio più non v'è! Ninnetta Io perdo la costanza. Che mai sarà di me! Giannetto, Fabrizio, Lucia Ah, questa circonstanza mi porta fuor di me! Pippo Oh, fiera circonstanza! Io sono fuor di me. Il Podestà Omai più non t'avanza che di venir con me. Giannetto Si chiami Isacco! Pippo Subito. Fabrizio In piazza il troverai. Giannetto, Fabrizio, Lucia Possano tanti guai alfine terminar! Il Podestà Quel denaro a me porgete. Ninnetta Che pretende? O Numi, aiuto! Il Podestà Questo al fisco è devoluto. Ninnetta Oh, crudel fatalità! Il Podestà La superbia e l'ardimento ti farò ben io passar. (Già vicino è il mio momento di goder e trionfar.) Fabrizio, Lucia, Giannetto Quel pallor, quel turbamento mi fa l'alma in sen tremar. Ora spero ed or pavento. Che mai deggio, oh Dio, pensar? Ninnetta Padre mio, per te mi sento questo core a lacerar e per mio maggior tormento non ti posso, oh Dio, giovar! Isacco Isacci chiamaste? Il Podestà Che cosa compraste da lei poco fa? Isacco Un solo cucchiaio con una forchetta. Giannetto Ninnetta! Tu dunque sei rea? Ed io la credea la stessa onestà… Pippo Ah, s'io prevedea, ma come si fa? Lucia, Fabrizio, Il Podestà Convinta è la rea, più dubbio non v'ha. Ninnetta Ov'è la posata? Mostrate, e vedrete. Isacco Che mai mi chiedete? Venduta l'ho già. Ninnetta Destin terribile! Il Podestà Ma fate presto. Giannetto Quai cifre v'erano? Ninnetta (Ancora questo! La stesse lettere! Misera me!) Isacco Eravi un F ed un V insieme. Ninnetta Mi sento opprimere, non v'è più speme. Ninnetta, Lucia, Pippo Sorte più barbara, oh Dio, non v'è! Il Podestà Bene, benissimo! Non v'è più speme. (Tu stessa chiedermi dovrai mercè!) Giannetto Ma qual rumore! Tutti La forza armata! Giannetto, Fabrizio, Lucia, Pippo Ah, mio signore, soccorso, pietà! Il Podestà In prigione costei sia condotta. Giannetto Giuro al cielo! Fermate, o temete… Il Podestà Obbedite! Ninnetta Gran Dio! Fabrizio, Lucia, Pippo Sospendete! Il Podestà No, nol posso. I miei cenni adempite. Ninnetta, Lucia, Fabrizio, Pippo, Isacco Oh, destin! Giannetto Questo è troppo! Sentite! Il Podestà Son sordo! (Ora è mia. Son contento.) Ninnetta Mille affetti nel petto mi sento. Lo spavento gelare mi fa. Lucia, Giannetto, Pippo, Fabrizio Mille furie nel petto mi sento. Lo spavento gelare mi fa. Il Podestà (Ah, sei giunto, felice momento. Lo spavento piegare la fa.) Ninnetta Ah, Giannetto! Giannetto Mio ben! Il Podestà Separateli! Ninnetta, Giannetto Oh, crudeli! Tutti Che orrore! Il Podestà Legatela! Giannetto, Fabrizio, Lucia, Pippo Ah, signore! Il Podestà Non più. Trascinatela! Ninnetta Io vi lascio! Giannetto, Fabrizio, Lucia Ninnetta! Il Podestà Finiamola! Tutti (meno Ninnetta ed il Podestà) Chi gli vibra un pugnale nel seno? Vorrei far tutto a brani quel cor! NinnettaAh, di me ricordatevi almeno. Compiangete il mio povero cor!Il Podestà(Ah, la gioia mi brilla nel seno! Più non perdo sì dolce tesor!)


 

 

[Main